Al Salvini di Pitigliano si ride con IPOCONDRIA

Spettacolo teatrale con la regia di Sandro Nardi e la Compagnia teatrale S.O.S. (Soggetti Omotetici Sospesi), in collaborazione con il Centro Culturale Fortezza Orsini ed il Comune di Pitigliano.Quando venne rappresentato lo scorso marzo al Teatro Boni di Acquapendente riscosse un successo di pubblico tanto è che oggi lo stesso Teatro Boni lo consiglia nella rappresentazione al Teatro Salvini di Pitigliano il 22 e 23 maggio alle ore 21,00.
Con Irenea Bianchi, Adele Bifolchi, Alice Dainelli, Sabrina D’Angelo, Alberto Martini, Vittorio Massai, Cesira Mengoni, Giulia Micci, Marella Niccolucci, Laura Scatoloni, Marco Vincenti
Scenografia Sandro Nardi
Costumi Sabrina D’Angelo
Ipocondria è la satira di un mondo borghese dove i protagonisti sono dei medici dotti e sapienti, un malato ingenuo e credulone e la sua famiglia, composta da chi nutre affetto per lui e da chi invece trama nei suoi confronti solo per i propri egoistici interessi. Ipocondria vuole essere la fotografia di un mondo fuori dal tempo, antico ed attuale, che mette in mostra le manie di un “malato immaginario” contornato da una dolorosa realtà che trascende da una precisa collocazione temporale, riuscendo così a mettere in evidenza non i «caratteri» ma l’eterna illusione umana. L’uomo viene qui rappresentato nel suo momento più tragico, quando è vittima dei propri miti e si sente naufrago nella propria ingenuità e vive deriso, beffato e considerano solo una grassa mucca da mungere. L’unico interesse di chi gli sta intorno è di spillargli le sue ricchezze, usando menzogne e falsità, il tutto vissuto tra finzione e realtà, o meglio tra finzione e ipocrisia.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI