Al Lago di Bolsena i Campionati mondiali di Black Bass

Sarà il Lago di Bolsena ad ospitare l’ XI° Campionato Mondiale di Black-Bass in programma dal 23 al 25 ottobre. La manifestazione è stata presentata oggi a Roma, presso la sede del CONI, dalla FIPSAS – Federazione Italiana Pesca Sportiva Attività Subacquee e Nuoto Pinnato – nell’ambito del suo calendario dei grandi eventi internazionali che si svolgeranno nel corso del 2015 in Italia.

Per l’occasione sono intervenuti il Presidente CONI Giovanni Malagò, il Segretario Generale CONI Roberto Fabbricini, il Presidente CIP (Comitato Italiano Paralimpico) Luca Pancalli e il Presidente della FIPSAS Ugo Claudio Matteoli. Inoltre è intervenuto Maurizio Natucci, Presidente del Settore Acque Interne FIPSAS e Responsabile organizzativo dei Campionati Mondiali di Black Bass.

Giovanni Malagò, Presidente CONI – “Sono onorato di essere coinvolto da questa Federazione, non solo per l’amicizia che si è creata negli anni, ma anche per i numeri che vanta; numeri che noi del CONI conosciamo bene. Per quanto riguarda le vittorie sportive si può dire che gli atleti della FIPSAS sono quasi dei monopolisti dei risultati internazionali. Tre eventi a carattere mondiale che si svolgeranno a Trento, a Viterbo e a Ischia. Ciò dimostra come questa Federazione coinvolga tutta l’Italia, portando anche un valore aggiunto al nostro Paese attraverso il turismo, che non dovrebbe mai essere slegato dalla pratica sportiva, anzi questi due valori dovrebbero collaborare e crescere insieme come in questo caso” .

Ugo Claudio Matteoli, Presidente FIPSAS- “La nostra è una federazione autonoma, è grande, ha tante discipline completamente diverse tra di loro, lavoriamo sulla disabilità, sull’ambiente, sul sociale, sulla protezione civile ed è sul territorio, abbiamo società da Bolzano a Lampedusa La pesca a mosca è uno degli sport che si autopromuove diventando spot di sé stesso, viene praticato in luoghi meravigliosi ed è nel totale rispetto dell’ambiente, l’apnea di profondità invece è uno sport “duro e cattivo”, che porta gli atleti ad affrontare prove estreme, la pesca al Black-Bass è uno sport che si avvale dell’uso di imbarcazioni di altissimo livello ed è dunque legato anche alla motoristica; questo tipo di competizioni, distanti tra loro possono essere organizzate dalla Federazione in un solo mese.
E questi sono solo tre degli eventi internazionali che coinvolgono i nostri Azzurri, ma non mi basta! Vivo col costante miraggio delle Olimpiadi e sembra che qualcosa cominci a muoversi: ce lo confermano i tre atleti del nuoto pinnato che in questo momento sono ai Giochi Olimpici Europei di Baku”.

Maurizio Natucci, Presidente settore Acque interne FIPSAS – “Negli anni ’80 quando io ero agonista e il Presidente Matteoli era giudice di gara, non mi sarei mai aspettato di ritrovarmi qui al CONI per presentare gli eventi internazionali del settore di cui sono presidente. Ringrazio Malagò per averci ospitato in questo bellissimo salone e ringrazio il presidente Matteoli per il salto di qualità che ha fatto fare alla nostra Federazione. La macchina è già in azione per la realizzazione di questi due grandi eventi; vorrei ringraziare i responsabili dei comitati organizzatori per il lavoro che stanno portando avanti, sono sicuro che in entrambe le competizioni i nostri Azzurri sapranno farsi valere”.

Da oltre 20 anni la Pesca Black Bass viene praticata in Italia, e grazie al suo dinamismo e alla sua difficoltà, ogni anno appassiona sempre più giovani anglers. il bass è un pesce di origine americana presente nel nostro paese da quasi 100 anni, che si caratterizza per essere combattivo e astuto, ciò rende la sua pesca una vera e propria sfida divertente e appassionante, anche per gli spettatori. Nel lago di Bolsena, il bass, ha trovato l’habitat ideale: il lago infatti è uno dei migliori luoghi in Europa dove poterlo pescare. E’ la seconda volta che un mondiale viene ospitato in queste acque, la prima è stata nel 2011, in occasione dei Giochi Mondiali della pesca in Italia, in cui gli Azzurri vinsero la medaglia d’oro.

La pesca al black bass, come ormai la quasi totalità delle discipline agonistiche FIPSAS, seguono la regola del “catch and release” (prendi e rilascia): subito dopo essere stato pescato e conteggiato, il pesce catturato viene riossigenato e rilasciato nel suo ambiente. Anche quando viene slamato è seguita una procedura che permette al pescatore di creare il minor disagio possibile al pesce, difatti nella pesca a mosca l’amo è senza ardiglione.

Questa manifestazione, vedrà sfidarsi i migliori atleti del mondo e sarà occasione per richiamare a Bolsena tutti gli appassionati Pesca Black-Bass, per una manifestazione dinamica e appassionante.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI