Accordo con Umbria: “L’integrazione è utile”

Marini - Zingaretti

I protocolli tra Lazio e Umbria danno il via a un’autoriforma dal basso con l’obiettivo di superare i confini istituzionali di enti che altrimenti lavorano a canne d’organo, così il Governatore del Lazio nell’’intervista a Mauro Favale, di  Repubblica,il 13 gennaio scorso

Proprio in questo periodo si parla molto di future riforme per rendere le Regioni più efficienti. Ecco, noi con questo protocollo vogliamo proprio dimostrare che l’innovazione può iniziare subito, senza aspettare tempi infiniti, ma collaborando su provvedimenti molto operativi per migliorare la qualità della vita dei cittadini e spendere anche di meno“. Nicola Zingaretti, governatore del Lazio, è stato il primo a parlare di un piano per accorpare le Regioni. Mentre i disegni di legge vanno avanti in Parlamento, la scorsa settimana è arrivata la firma di due protocolli con la Regione Umbria su turismo e sanità. Il Lazio ha una sanità commissariata, l’Umbria, invece, ha i conti in ordine. Conviene più a voi questo accordo? “No, conviene a tutti: i servizi miglioreranno per entrambe le regioni. La programmazione sanitaria va fatta pensando ai “bacini omogenei” e ragionando insieme su come trovare le soluzioni più adatte“.

Come verrà sviluppato concretamente questo dialogo? “Ci sarà un tavolo permanente di confronto per capire, rispetto a una domanda di sanità, come fare una programmazione che tenga conto di quello che c’è a pochi chilometri di distanza anche se si tratta di un’altra regione”.

È il primo passo verso un accorpamento? “I protocolli tra Lazio e Umbria danno il via a un’autoriforma dal basso con l’obiettivo di superare i confini istituzionali di enti che altrimenti lavorano a canne d’organo. Non bisogna fare l’errore delle Province, però, ideologizzando la discussione o peggio calando la riforma dall’alto. Il rischio sarebbe quello di discutere per anni senza decidere“. Oltre a sanità e turismo ci possono essere altri punti di contatto? “In futuro potremmo pensare al trasporto e alla gestione del ciclo dei rifiuti”. www.nicolazingaretti.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI