Accoglienza turistica: un convegno a Soriano nel Cimino

relax

Una giornata dedicata all’accoglienza turistica: a Soriano nel Cimino venerdì 17 aprile (a partire dalle 14,30) presso la sala consiliare si svolgerà l’infoday sull’accoglienza turistica per rendere al massimo lo sviluppo rurale e lo sviluppo turistico dell’area che coinvolge 10 Comuni: Vignanello (Comune capofila), Bassano in Teverina, Bomarzo, Canepina, Corchiano, Orte, Soriano nel Cimino, Vallerano, Vasanello e Vitorchiano.

Un “open day” dedicato all’accoglienza turistica, organizzato dal Carbacc (Consorzio aree basse colline cimine), istituito all’interno della Pit RL165 (Progettazione integrata territoriale) che coinvolge 10 Comuni sopra citati

Nell’ambito della misura 341 della Pit Regione Lazio 165 Carbacc relativa al Psr (Piano di Sviluppo rurale) 2007-2013, l’obiettivo finale è lo sviluppo del territorio inteso in senso omogeneo, al di là delle differenze pur presenti tra un comune e l’altro. A tal proposito l’approccio scelto è quello di una visione d’insieme delle peculiarità del territorio, dalle ricchezze naturalistiche a quelle enogastronomiche, dal patrimonio culturale materiale a quello immateriale, dalle vocazioni agricole ai servizi, ecc.

Target di questo infoday sono tutti gli operatori del settore turistico che vogliano arricchire le proprie conoscenze e puntare al miglioramento delle strutture ricettive, siano esse agriturismo o alberghi, case vacanze, B&B o affittacamere.

La giornata affronterà in maniera esaustiva i vari ambiti di interesse che i titolari delle strutture dell’accoglienza operanti sul territorio del Carbacc possono avere: la conoscenza di un territorio ricchissimo e molto spesso non offerto ai turisti, le opportunità di miglioramento nell’architettura, nel design e nel wellness delle proprie strutture, le opportunità che i nuovi mezzi digitali possono concedere alla promozione e alla vendita, i finanziamenti e le agevolazioni pubbliche e private a cui si può attingere per qualificare la propria offerta turistica, la convenienza del fare sistema nel turismo, le nuove possibilità che il Psr 2014-2020 offrirà ai territori. Obiettivi per i quali sono stati invitati relatori da Regione Lazio, Università della Tuscia, Camera di Commercio Viterbo, Slow Food Viterbo, nonché architetti, designers ed esperti del marketing e della promozione turistica.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI