A2 volley: Grande vittoria in casa Tuscania

Tuscania Volley

Questa volta vanno a segno i ragazzi della Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania che, con un parziale di 3-0, non lasciano scampo agli ospiti della Cassa Rurale Cantù e guadagnano la prima vittoria nel campionato di A2. Gioia incontenibile per gli atleti di Paolo Tofoli che volevano a tutti i costi conquistare i primi tre punti netti della stagione e non hanno perso occasione per sorprendere il loro pubblico e regalare un’ora e venti di grande emozione e spettacolo. I brianzoli sono stati sopraffatti da un Tuscania estremamente attento alle sue mosse, meticoloso e con grande carattere,una sconfitta inaspettata per loro che, partendo convinti di una buona riuscita, tornano a casa con la seconda sconfitta consecutiva in campionato.

Partita

1°Set. I laziali partono subito concentrati ed aggressivi e con Shavrak e Alborghetti in due muri consecutivi sono avanti 5-1, Della Rosa ferma il gioco per far ragionare i suoi. Si riprende con Mercorio che cerca di accorciare con due belle occasioni ma Buzzelli comincia ad imperversare sulle fasce e Festi con due muri stratosferici blocca i brianzoli: 10-4. Tuscania prosegue senza tregua ed al time out tecnico è avanti 12-5. Cantù sbaglia molto dai nove metri, Robbiati si fa vedere con una bella veloce ma ancora Buzzelli, in questo set incontenibile e Shavrak di cui apprezziamo una bella pipe allungano sul 18-11; il coach canturino chiama lo stop, si riprende ancora con l’opposto di Avezzano in evidenza e Festi a dar manforte 21-13. Cambi a ripetizione per i brianzoli che complici i laziali e con Santangelo e Robbiati con un ace al servizio si fanno sotto 22-18. Tuscania riprende a macinare gioco e il set si chiude con l’ennesimo Buzzelli sul 25-20.

2°Set. Gli uomini di Tofoli ripartono con la stessa carica del primo set ma Cantù ora lotta alla pari sino al 5-5, bene Mercorio che risponde ad Alborghetti e Shavrak; adesso Tuscania riprende il largo con capitan Ottaviani per due volte consecutive e l’ucraino Shavrak in evidenza in questa fase del set, a siglare il 12-8 per lo stop tecnico ci pensa il trentino Festi con una bella veloce. Si riprende con i laziali ancora a spingere sull’acceleratore: Shavrak, due volte Buzzelli e due muri sensazionali di Alborghetti, una bella pipe di Ottaviani e si va 18-12. Due volte Robbiati con alcuni errori di Tuscania riportano a -4 Cantù 20-16, ora è la volta di Krumins con un astuto secondo tocco poi Carminati, dai nove metri sbagliano prima Mercorio poi Festi, ci pensa Buzzelli a portare i bianco blu sul 23-18. Sbaglia Santangelo e consegna la palla set ai laziali che per due volte non chiudono, sul 24-20 Tofoli chiede time out e alla ripresa Alborghetti mette a terra la veloce del secondo set 25-20 e 2-0 per Tuscania. Sulle gradinate i supporters della Bolgia stanno scatenando l’inferno con un tifo eccezionale, il rumore dei tamburi ed il frastuono delle trombe è indescrivibile.

3°Set. I padroni di casa si fanno sorprendere dalla bella partenza canturina con Mercorio, Monguzzi e Tamburo,oggi non all’altezza delle sue doti e si ritrovano sotto 1-4. Alborghetti suona la carica e Buzzelli e Shavrak fanno il loro e Tuscania si riporta avanti6-4, in questa fase si distingue Festi ed ancora Alborghetti con l’ennesimo muro, a fine match saranno 6 blok per lui. Allo stop tecnico Ottaviani&C sono avanti 12-9 con un altro muro, stavolta di Krumins. Cantù sa che non può mollare e con Monguzzi prima e Mercorio poi stabiliscono la parità 13-13 e successivamente allungano fino 18-21 con Robbiati e Mercorio a farla da padroni unitamente ad errori avversari. Dagli spalti l’incitamento si fa ancor più potente e Silva che ha rilevato Shavrak prima con una potente diagonale e poi con un muro sensazionale ristabilisce la parità 23-23. Cantù è frastornata non riesce nel suo intento di restare in partita e si arrende ad un devastante Buzzelli 25-24 ed al capitano bianco blu Ottaviani che mette il sigillo al set 26-24 ed alla partita 3-0.

Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania- Cassa Rurale Cantù 3-0 (25-20, 25-20, 26-24)

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI