A Palazzo Doria Pamphilj visite guidate con performance teatrale in costume d’epoca

Dopo la cena-degustazione ideata dagli chef de “I Giardini di Ararat” con un percorso  gastronomico tra le eccellenze dei Cimini e della Tuscia, proseguono gli eventi a Palazzo  Doria Pamphilj di San Martino al Cimino, riaperto dalla Regione Lazio nell’ambito della Campagna ART BONUS, finalizzata al recupero di immobili del patrimonio regionale e alla riapertura a favore della comunità.

Per le feste  dell’ Epifania il programma degli appuntamenti prevede sabato 6 e domenica 7 gennaio visite guidate a Palazzo con performance teatrale in costumi d’epoca (ingressi ore 15.00 e 16.30) per far rivivere la cosiddetta “ottombrata sanmartinese”: l’episodio risale al 1653, quando, ai primi di ottobre, il pontefice Innocenzo X Pamphilj si mise in cammino da Roma verso San Martino al Cimino,  dove giunse il 10 ottobre, pernottando presso il Lago di Vico con una piccola corte in cui era incluso l’architetto Francesco Borromini.

La visita del pontefice ebbe come esito quello di iscrivere San Martino al Cimino nell’ albo delle città pontificie. In questa circostanza il Pontefice esclamò a proposito del nuovo borgo, ritenuto urbanisticamente all’avanguardia: « Non oppidum sed urbem non urben sed orbem!» ovvero “Non un borgo ma una città, non una città ma il mondo!”.

Sempre durante questa visita, il Pontefice inaugurò l’attuale Porta Romana a Viterbo, all’epoca chiamata Porta Innocenziana.

I protagonisti di questo episodio-cardine della storia sanmartinese, possono essere individuati in Papa Innocenzo X Pamphilj, Donna Olimpia Maidalchini Pamphilj, Francesco Borromini e altri due personaggi della corte papale.

Narrazione di Colombo Bastianelli con gli interpreti della compagnia teatrale “Danilo Morucci”.

Nel corso delle speciali visite dell’ Epifania, si potrà ammirare l’antico Hospitale dei pellegrini che transitavano per la via Francigena, conosciuto colloquialmente come Sala del Cantinone, nel  piano rialzato, si visiterà la Sala Aldobrandini e, infine, il Piano nobile, caratterizzato da una serie di sale con eleganti soffitti a cassettone e fregi decorati, che confluiscono nella sala Donna Olimpia impreziosita da un grande camino.

Il Palazzo Doria Pamphilj fa parte della Campagna ART BONUS, che consente ai sostenitori di effettuare erogazioni liberali per il Patrimonio storico-artistico regionale, con un credito d’imposta del 65%. Gli eventi sono svolti in collaborazione con LAZIOcrea e le associazioni del territorio, in particolare la Confraternita del S. S. Sacramento e S. Rosario e la Pro Loco di San Martino al Cimino.

Per info e prenotazioni: palazzosanmartino@virgilio.it – 347 8709572 (dalle ore 10.00 alle ore 18.00)

Per le informazioni su Art Bonus e per le donazioni online:

www.regione.lazio.it/artbonus

Pagina Facebook: Palazzo Doria Pamphilj – San Martino al Cimino

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI