64° Convegno del Centro di Studi Bonaventuriani: 27-29 Maggio

64° Convegno di Studi Verbum est notitia

RIVELAZIONE E LINGUAGGIO FILOSOFICO-TEOLOGICO IN SAN BONAVENTURA

 Venerdì 27 maggio, Sala Regia del Comune di VITERBO – ore 16.30

MAURIZIO MALAGUTI, Presidente del Centro di Studi Bonaventuriani

Apertura dei lavori del 64 ° Convegno del Centro di Studi Bonaventuriani.

Saluto di S.E. Mons. LINO FUMAGALLI, Vescovo di Viterbo.

Saluto delle Autorità cittadine e accademiche.

RAIMONDO CAGIANO DE AzEVEDO, Università di Roma “Sapienza”

Memoria del fondatore del Centro di Studi Bonaventuriani, prof. Bonaventura Tecchi, nel 120° anniversario della nascita.

EMMANUEL GABELLIERI, Académie Catholique de France

Lectio Magistralis: Verbum e Donum. Principi di ontologia trinitaria da Bonaventura a Blondel e Simone Weil.

Mons. FORTUNATO FREZZA, Capitolo Vaticano

Dal Verbum alla dottrina. Usus biblicus come lingua propria del magistero bonaventuriano.

ALFREDO CENTO, Istituto Teologico San Pietro, Viterbo

Il processo di canonizzazione di san Bonaventura nei codd. 339B e 339C della Biblioteca comunale di Assisi.

Sabato 28 maggio, Bagnoregio, Auditorium Taborra – Viale F.lli Agosti – ore 9.30

DOMENICO PAOLETTI, Pontificia Facoltà Teologica San Bonaventura

La novità della rivelazione cristiana nella relatività della storia e del linguaggio.

Mons. LORENZO CHIARINELLI, Vescovo emerito di Viterbo

Invito alla lectio. Il Proemio di Bonaventura al Vangelo di san Luca.

Sabato 28 maggio, Bagnoregio, Auditorium Taborra, ore 16.00

CARMELO PANDOLFI, Ateneo Pontificio Regina Apostolorum

Il De mysterio Trinitatis di san Bonaventura: molteplicità delle forme della Parola di Dio; particolarità delle parole filosofiche e teologiche.

ORONZO CASTO, Preside emerito Liceo “L.A. Muratori” di Modena

Il commento di san Bonaventura al libro dell’Ecclesiaste.

CARLOS ESTEBAN SALTO SoLÀ, Pontificia Università Antonianum

Il linguaggio della bellezza rivelato nel Verbum crucifixum secondo san Bonaventura.

Domenica 29 maggio, Bagnoregio, Auditorium Taborra, Viale F.lli Agosti – ore 9.30

STEFANIA PARISI, Istituto di Studi Teologici e Storico-Sociali, Terni

La Parola e le parole. L’esemplarismo bonaventuriano come via di comunicazione tra Dio e l’uomo.

ALBERTO BAGGIO, Studio Filosofico Domenicano, Bologna

Fondati in alto. Analogia e rivelazione in Antonio Rosmini.

Conclusione dei lavori.

 

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI