Talk show con Etruscans, gli Etruschi mai visti

etruscans

Presentata presso la Fondazione Carivit l’iniziativa dell’associazione Historia Etruscans, gli Etruschi mai visti, un percorso a ritroso nel tempo che prevede nove incontri da gennaio a maggio 2016 con i protagonisti dell’Archeologia e del mondo degli Etruschi.

Una nuova forma di comunicazione per il mondo dei Beni Culturali, quella dei “Talk Show” e non della conferenza; linguaggi moderni e innovativi dove i relatori saranno al centro di un dibattito con il pubblico su una serie di argomenti e temi di grande interesse sul mondo dell’antico popolo della Tuscia.

Tutti gli incontri saranno ad ingresso libero e gratuito e si svolgeranno presso l’Auditorium di Valle Faul, sede messa a disposizione dalla Fondazione Carivit. L’iniziativa supporta Experience Etruria e la mostra virtuale Etruschi in 3D in esposizione fino al 4 Maggio, che presto vedrà ospitare la Sfinge del Parco Archeologico di Vulci come annunciato da Carlo Casi, archeologo e direttore del Parco stesso e coordinatore e moderatore dei dibattiti; oltre gli incontri sono previste anche otto proiezioni di documentari sul mondo degli Etruschi e il coinvolgimento del mondo della scuola, già avviato con successo da Historia.

I talk show avranno inizio lunedì 11 Gennaio alle ore 17,30 con il primo appuntamento Etruschi nel 2000, durante il quale le cinque soprintendenze di Umbria, Campania, Emilia Romagna, Toscana e Lazio si confronteranno con le domande del pubblico. Negli appuntamenti successivi non mancheranno immagini inedite degli scavi di Gustavo VI di Svezia nella Tuscia, i misteriosi vasi canopi, il mondo dei Villanoviani, i Parchi Etruschi con Andreas Steiner, direttore della rivista Archeo e Carlo Casi, direttore del Parco Archeologico di Vulci, il racconto di antiche storie di vita quotidiana, infine il banchetto, tra vino e cibi dell’antico popolo della Tuscia. Importante e fondamentale la presenza di ARCHEO come partner ufficiale della manifestazione e il sostegno di Banca Sviluppo Tuscia.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI