Calza della Befana: il ricavato va in beneficenza

befana

Tutto pronto per la XV edizione de “La Calza della Befana più lunga del mondo”, la manifestazione viterbese che in passato ha avuto forte risonanza mediatica, anche con passaggi sulle reti televisive nazionali.

Il prossimo 5 gennaio infatti decine di allegre Befane, provenienti anche da fuori provincia, accompagneranno la sfilata della Calza, lunga ben 52 metri, lungo le vie del centro storico, sulle note di un motivetto composto appositamente per l’occasione, che sarà eseguito dalla banda musicale di Grotte Santo Stefano. 

La Calza sarà inoltre simpaticamente “scortata”, oltre che dai Sbandieratori e Musici del Pilastro, anche da una quindicina di Fiat Cinquecento d’epoca. Per l’occasione bambine e bambini viterbesi si travestiranno da baby-befane e spazzacamini, per trascorrere insieme un pomeriggio di allegria. “Essere giunti alla XV edizione è un bellissimo risultato, che comporta fra l’altro un ritorno immediato di visibilità per la nostra città” ha affermato Luciano Barozzi, presidente del Centro Sociale del quartiere Pilastro, vero cuore della manifestazione. Intervenuto questa mattina alla conferenza stampa di presentazione, ha sottolineato inoltre la vocazione solidale dell’evento.

Una Calza infatti che potrebbe chiamarsi a buon diritto “della solidarietà”, in perfetta linea con lo spirito natalizio e con il confronto con le povertà che esistono ancora sulla terra. Quest’anno la Calza sarà dedicata all’istituto dell’adozione a distanza. Sarà possibile aiutare i bambini del Terzo mondo acquistando le calze piene di dolciumi che saranno distribuite in diversi punti lungo il percorso. L’intero ricavato verrà devoluto in beneficenza. Partecipano e sostengono l’iniziativa inoltre anche le associazioni ADMO e AVIS, con l’intento di sensibilizzare i cittadini e promuovere le donazioni.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI